• 0.000000lag
  • 0.000000lag
  • 0.000000lag
  • 0.000000lag
  • 0.000000lag

0 Min
dal mare

10 Min
da Spalato

15 Min
dal traghetto

15 Min
dalla stazione di bus

20 Min
dalla autostrada A1

30 Min
dallaeroporto Spalato

SPALATO ED I DINTORNI

Spalato è la più grande città di Dalmazia, la seconda più grande città di Croazia; secondo le ultime statistiche dal 2001 la popolazione di Spalato è 178.192, il secondo più grande porto di Croazia ed il terzo porto di Mediterraneo per il numero di passeggeri.

La sede amministrativa di contea Spalato-Dalmazia, con il bacino di utenza delle tre più meridionali contee (precedentemente la comunità di comune Spalato), di una parte di Erzegovina ed anche di Bosnia. Nel porto di Lora sulla parte nord della peninsula si trova la sede di Flotta croata da guerra. Il centro della città consiste dell’antico palazzo di Diocleziano dal 4° secolo (sotto la protezione dell’UNESCO dal 1979), l’esempio unico del mondo.

Anche se l’inizio della città è associato con la costruzione del palazzo di Diocleziano, 295 – 305, cioè nel 4° secolo, gli scavi archeologici dopo il 2000 (gli edifici religiosi, l’anfiteatro, il porto sul nord di Marjan), sono le prove che questo territrio era abitato nell’epoca romana, molti anni prima di Diocleziano. È possibile che c’era anche una delle colonie greche e un insediamneto illirico per il motivo della favorevole posizione geografica.

Diocleziano era l’imperatore romano dal 284 al 305, da una famiglia modesta e del nome originale Diocles. Conosciuto come un grande riformatore dell’impero romano perche ha introdotto il sistema di tetrarchia, cioè il governo simultaneo di quatro sovrani. Era il persecutore di cristiani e si considerava un dio. Il grande palazzo sull’area di Spalato contemporanea è costruito per passare i suoi giorni di pensione. (Diocleziano era l’unico imperatore romano ad abdicare).
Il palazzo di Diocleziano è il più grande e il più conservato palazzo antico del mondo. Le mura orientali ed occidentali misurano 216 m, meridionale 181 m e settentrionale 175 m. La parte settentrionale del palazzo era per i servi e per l’esercito; la parte meridionale era esclusivamente per le camere dell’imperatore.

Si usava l’acquedotto che porta l’acqua dal fonte di fiume Jadro e si usa parzialmente anche oggi.Secondo l’ultima teoria, il palazzo di Diocleziano non era mai solo il posto di riposo, ma anche la vera fabbrica per la produzione di lana. Nel 480 l’ultimo legittimo imperatore dell’ impero romano occidentale Giulio Nepote è stato avvelenato (spesso citato Romulo Augustul „governava“ solo l’Italia). Una via di Spalato contemporaneo porta il suo nome.